Vallo di Diano e il piccolo borgo di Teggiano

Piccolo gioiello nel cuore del Vallo di Diano, visitare Teggiano permette di immergersi in borgo medievale che, dalla vetta di una collina, domina l’intera valle proponendo un patrimonio architettonico e paesaggistico straordinario.

visitare-teggiano-vallo-di-diano-c

Il centro storico di Teggiano – passeggiata verso Castello Macchiaroli

Vallo di Diano – La storia di Teggiano

Splendido borgo antico nel cuore della visitare il Cilento, Teggiano è una delle poche cittadine della provincia di Salerno che ha mantenuto ancora oggi intatto il suo aspetto di roccaforte, grazie all’intervento del Principe di Salerno, Antonello Sanseverino, che fece costruire il castello di Teggiano con un ottimo sistema di protezione.

L’attrattiva principale della città è infatti rappresentata dalle alte mura medievali, che permisero alla città di difendersi dagli attacchi del re di Napoli, Ferdinando D’Aragona e dal complesso architettonico su cui si fonda l’intero borgo, dalle fattezze medievali e rinascimentali capaci ancora oggi di attrarre migliaia di turisti ogni anno.

Cosa vedere a Teggiano

Sebbene sia un piccolo borgo, Teggiano ha numerose attrazioni tipiche del Vallo di Diano: chiese, musei, belvedere … Tra i tanti edifici religiosi, meritano di essere ricordati il Convento di San Francesco del XIV sec. e il museo Diocesano San Pietro del XII sec.

Il  primo è particolarmente apprezzato per i suoi affreschi raffiguranti la vita del famoso San Francesco di Assisi, mentre il secondo, fondato nel XII sec. e più volte restaurato nel corso degli anni, presenta al suo interno una grande statua di Sant’Agostino con uno straordinario chiostro decorato da una serie di affreschi del XVII sec. proprio sulla vita del Santo.

visitare-teggiano-vallo-di-diano-a

Il Castello Macchiaroli – Teggiano

Tra le attrazioni di Teggiano, ricordiamo il museo delle Erbe sito nel pieno centro della città e suddiviso in differenti sezioni: medicina naturale, micologia, erbario naturale, etnobotanica e il “Museo degli usi e delle tradizioni del Vallo di Diano“, costituito da diversi tipi di reperti che vanno dal telaio indispensabile per creare la tela, agli aratri per i buoi e agli strumenti la lavorazione del legno.

Pregevole è il Castello Macchiaroli, in pieno centro storico, realizzato in epoca normanna e perfettamente conservato, con restauri di cui si hanno traccia già a partire dal ‘400. Nel XV secolo, infatti, grazie ai Sanseverino, si completò un ampliamento che portò il Castello di Teggiano al monumentale aspetto che ancora oggi è possibile ammirare.

Cerca i migliori alberghi a Teggiano

Verifica la disponibilità e confronta prezzi e camere.

visitare-teggiano-vallo-di-diano-d

Teggiano Antica – Un cartello nel cuore del Vallo di Diano

L’evento del Vallo di Diano – Alla tavola della Principessa Costanza

Ogni anni, durante i mesi estivi, la Pro Loco di Teggiano organizza un evento che richiama visitatori da tutta la provincia di Salerno e addirittura dalle vicine regioni. La particolarità di questa manifestazione è l’eleganza con cui sfilano tutti i personaggi con abiti d’epoca; dal re alla regina, dalle dame ai cavalieri, dal cardinale al popolo, tutti accompagnati da un corteo di sbandieratori e tamburini, giocolieri e menestrelli, mangiafuoco e danzatori che per la solenne occasione, giungono da ogni parte d’Italia e allietano il pubblico con suoni, spettacoli, manifestazioni e danze. Alla Tavola della Principessa Costanza a Teggiano propone un’atmosfera entusiasmante e coinvolgente: senza accorgersene si ha la sensazione di tornare indietro nel tempo, di fare letteralmente un tuffo nel passato, trovandosi immersi nel 1480.

visitare-teggiano-vallo-di-diano-e

La sfilata nell’evento Alla tavola della Principessa Costanza

Ad accrescere ancora di più questa sensazione, è l’introduzione delle monete del XV sec. che si possono scambiare alla Banca di Cambio e utilizzare nelle varie Taverne di Teggiano. Infatti, oltre ad assistere alla bellissima rappresentazione, gli spettatori possono godere anche delle prelibatezze culinarie del posto.

Seguendo un percorso stabilito, si può passeggiare tra antichi edifici e vessilli fino a giungere alle varie Taverne ognuna delle quali propone una specialità del cilento e teggianesi: dai cavatieddi alla salsiccia di cinghiale, dai babà alle castagnelle tipiche del Vallo di Diano. La rievocazione medievale, che si svolge ogni anno a metà agosto, è un evento a cui bisogna partecipare almeno una volta nella vita.

visitare-teggiano-vallo-di-diano-f

Vallo di Diano – Teggiano e “Alla tavola della Principessa Costanza”

Un libro per saperne di più…

passeggiando-per-teggiano

Foto di Paolo Calicchio

Ingegnere Civile, è un sostenitore della causa ambientale. Appassionato di fotografia e di turismo itinerante, ama percorrere sentieri e strade lontane dal turismo di massa, a piedi o con la fedele bicicletta Ridley.

Altre storie e luoghi d'Italia

I nostri consigli di viaggio