La Scuola Medica Salernitana tra mito e innovazione

L’antica Scuola Medica Salernitana rappresenta un’istituzione medievale europea, una felice fusione tra  culture diverse, medicina, leggende popolari e rapporto con la natura.

scuola-medica-salernitana-museo

Scuola Medica Salernitana – foto dal museo Papi

Con la fondazione della Scuola Medica Salernitana la città di Salerno attraversa uno dei momenti più floridi di tutta la sua storia. La città divenne una meta obbligata per chi volesse apprendere l’arte medica o farsi curare dai migliori medici dell’epoca.

La nuova Scuola Medica Salernitana fu la prima istituzione della storia ad occuparsi dell’insegnamento della medicina nel mondo occidentale e godette di enorme prestigio per tutto il Medioevo, tanto da permetterle il titolo di Hippocratica civitas, ancora oggi parte dello stemma di Salerno assieme al patrono San Matteo.

La fondazione della Scuola Medica Salernitana

Le numerose leggende popolari create intorno a questa storica istituzione concordano sulla sua fondazione ad opera di quattro medici di diversa provenienza: latina, greca, ebrea e araba.

L’ambiente salubre e rigoglioso della città di Salerno e delle sue colline, dove già si ergeva il Castello Arechi, garantiva agli studiosi la possibilità di dedicarsi alla ricerca di erbe e piante dalle proprietà benefiche e curatrici di numerose malattie.

Gli studiosi si ritrovavano nei monasteri, luoghi dalla duplice funzione contemplativa e culturale, ed entravano in contatto con i depositari dei più profondi saperi mistici e naturali.

I precetti della scuola medica salernitana

Nel Medioevo le cause di molte malattie rimanevano sconosciute e gli studiosi dovevano scontrarsi con la forte immaginazione popolare che preferiva affidare il proprio destino a Dio e alla religione.

scuola-medica-salernitana-b

Antiche attrezzature mediche della Scuola Medica Salernitana

La figura dello scienziato si muoveva spesso tra quella di un filosofo, costretto a fare i conti con l’ignoto e i misteri della vita umana, e quello di un guaritore pronto a dare un approccio teorico-pratico alla medicina con la sperimentazione di nuovi rimedi naturali.

Gli orti e le piante curative della Scuola Medica Salernitana

Il clima mite di Salerno e delle sue colline circostanti permise il fiorire di giardini e orti botanici con piante dalle importanti caratteristiche palliative.

Gli studiosi del campo medico riuscirono ad analizzare questi rari prodotti naturali e a utilizzare le erbe della scuola in maniera innovativa e sorprendente per le conoscenze dell’epoca. Proprio per questa ragione fu composto il testo di riferimento ufficiale della Farmacologia del mondo occidentale, l’Antidotario di Niccolò il Preposito.

giardino-della-minerva-salerno-b

L’oasi verde del Giardino della Minerva Salerno con vista sul Golfo

La medicina come incontro tra scienza e natura

Le regole della Scuola Medica Salernitana sostenevano che il corpo umano fosse formato da quattro elementi, detti umori, in diretta connessione ai quattro elementi naturali della terra, acqua, aria, e del fuoco.

La connessione tra i vari umori generava la formazione dei diversi comportamenti umani e il compito della medicina stava proprio nel ristabilire l’equilibrio tra i diversi umori analizzando le varie disfunzioni attraverso la manifestazione dei diversi sintomi.

La memoria storica

L’attività della Scuola Medica Salernitana cominciò a decadere dal XIV secolo con l’affermarsi e l’espansione dell’Università di Napoli. La memoria storica di questa importantissima istituzione si è smarrita con il trascorrere del tempo ed è stata oggetto di molte controversie tra gli studiosi.

Il meraviglioso Giardino della Minerva – che si sviluppa dove una era situato l’orto botanico della Scuola Medica Salernitana – e l’interessante Museo Virtuale nel cuore del centro storico di Salerno, rappresentano le testimonianze più dirette e profonde riservate alla scuola.

scuola-medica-salernitana-c

Il Museo Papi è un grande archivio di strumenti e testimonianze della Scuola Medica Salernitana

Consigliamo anche la visita del Museo Papi, in via Trotula de Ruggiero, in cui è possibile osservare gli antichi strumenti chirurgici di una volta.

I musei della Scuola Medica Salernitana sulla Mappa

Libri sulla Scuola Medica Salernitana

libri-scuola-medica-salernitanaFoto di Paolo Calicchio

 

Daniele Calabrese

Studiando Comunicazione a Salerno e a Roma, promuove per passione il turismo e la cultura del proprio territorio. Ama scoprire nuove realtà, culture e paesaggi. Si impegna come autore free-lance a far conoscere eventi e bellezze naturali della provincia di Salerno.

Altre storie e luoghi d'Italia

I nostri consigli di viaggio