Piana del Sele – tra agriturismi ed eccellenze enogastronomiche

Un viaggio nella piana del Sele, tra vocazione agricola, monumenti, spiagge e tradizioni millenarie. Ecco cosa vedere…

piana-del-sele

Piana del Sele vista da Trentinara – Foto di S. De Simone

Cerca B&B e Agriturismi nella Piana del Sele

Informazioni generali

La Piana del Sele è una grande pianura che si estende per circa 500 chilometri quadrati a sud di Salerno. Delimitata a nord dai monti Picentini e a sud dagli appennini Lucani, quest’area deve il suo nome al fiume che la solca.

Il Sele, uno dei corsi d’acqua più importanti della Campania, percorre moltissimi chilometri  e prima di arrivare alla foce irriga numerosi suoli che hanno saputo rispettare la vocazione agricola di un terreno decisamente fertile.

Il settore turismo nella Piana del Sele offre diversi riferimenti: dalle assolate spiagge del Cilento ai piccoli borghi. Qui, tra vicoli e antichi palazzi nobiliari, sono organizzati frequentemente eventi culturali ed eno-gastronomici che attirano migliaia di visitatori.

Cosa vedere nella Piana del Sele

tempio-di-nettuno-paestum-b

Vista prospettica del Tempio di Nettuno

Paestum e l’area archeologica

Questi suoli, una volta paludosi e bonificati nella prima metà del ‘900, conservano le tracce di una memoria antichissima. Basta visitare i templi di Paestum, l’antica Poseidonia per riscoprire favolosi capolavori di arte ed architettura antica.

L’atmosfera nell’area archeologica di Paestum è quella del mito più suggestivo e dell’epos più emozionante, tanto da essere stata tappa obbligata per moltissimi illustri visitatori, tra i quali va citato, ad esempio, Nietzsche.


cosa-vedere-ad-agropoli-a

La porta d’ingresso di Agropoli

Agropoli e la baia sul Cilento

Oltre Paestum merita un’attenzione anche Agropoli, con il castello ed il borgo arroccato su un colle da cui si possono ammirare i cristallini flutti del mare del Cilento.

Il comune vanta inoltre una delle spiagge più incontaminate della provincia di Salerno, ovvero la Baia di Trentova. Da non perdere la passeggiata sulla splendida lungomare, ricca di tanti ristoranti e trattorie dove gustare, proprio di fronte al mare, straordinari piatti della tradizione locale a base di pesce.


trentinara-cilento-b

Trentinara e la vista sulla Valle del Sele

Trentinara e il balcone sulla Valle del Sele

Dalle alture vicine a Paestum, merita una visita Trentinara, una volta parte integrante del comune di Capaccio. Dai 600 metri d’altitudine di Trentinara infatti, si gode di uno spettacolare panorama sulla Piana del Sele. Consigliamo di visitare questo piccolo borgo anche per i sapori ed i gusti nascosti tra le strade e le case in pietra.

Da non perdere la tradizionale Festa del Pane che attira tutti gli abitanti della Piana del Sele e della provincia di Salerno.


scuola-de-amicis-battipaglia-e

La scuola De Amicis di Battipaglia vista dalla piazza

Battipaglia e la mozzarella di Bufala

Nonostante sia cresciuta in maniera esponenziale negli ultimi 40 anni, la città di Battipaglia conserva numerose reminiscenze che la legano ancora alla Piana del Sele.

Meritano certamente una visita le splendide masserie di Battipaglia che costellano la periferia della città. Molte di queste sono state negli anni riconvertite in aziende casearie dove si produce la migliore Mozzarella di Bufala, esportata oggi in tutto il mondo.


eboli-in-pillole-a

Una vista di Eboli dall’alto

Il centro storico di Eboli

Merita senza dubbio una visita la parte alta, quella storica, di Eboli, una cittadina che nonostante lo sviluppo urbanistico ha conservato intatto uno nucleo antico davvero interessante e ricco di spunti da visitare.

Tanti ristoranti e trattorie accolgono i visitatori con menu molto invitanti e a base dei prodotti tipici del Cilento. Da non perdere nei dintorni la magnifica Oasi di Persano, dove è possibile fare birdwatching e scattare fotografie naturalistiche su uno scenario da sogno.


Come raggiungere la Piana del Sele

Le località della Piana del Sele sono facilmente raggiungibili seguendo l’uscita autostradale A3 a Battipaglia o Eboli e proseguendo sulla SS18, la dorsale Tirrenica che attraversa tutta la provincia di Salerno fino in Calabria. Per un riferimento consulta la cartina geografica della Piana del Sele.

Guida su borghi e paesi tra Piana del Sele e Cilento

borghi-del-cilento

Eugenio Mucio

Pigro, casalingo, sociofobico, ma per fortuna prova un grande amore per la sua terra di origine, tanto da mantenere vivi sia i suoi contenuti che (finora) se stesso.

Altre storie e luoghi d'Italia

I nostri consigli di viaggio