Paesaggi dolomitici nel bellunese

Favolosi tramonti e paesaggi dolomitici si schiudono per chi ha la pazienza di scoprire questa magnifica parte del territorio veneto: benvenuti nelle Dolomiti bellunesi

paesaggi-dolomitici-b

Paesaggi dolomitici a San Vito di Cadore – il sentiero verso il rifugio Scotter

Molti considerano il bellunese il paradiso degli sciatori, con rifugi e sentieri di montagna e le migliori piste da sci d’Italia. Per chi ama le passeggiate in natura, invece, si aprono incantevoli paesaggi dolomitici tra le Dolomiti venete, le più alte vette d’Italia.

Scenari bucolici dove si alternano rigogliosi prati fioriti e freschi specchi d’acqua, come il Lago di Cadore, a Calalzo di Cadore, e distese innevate e aree termali di acque purissime, come quella di Lagole.

paesaggi-dolomitici-c

Paesaggi dolomitici – il Monte Pelmo

Come scoprire i paesaggi dolomitici del bellunese

Piuttosto che scegliere l’automobile, il consiglio è di optare come sempre per un viaggio lento. Visitare le Dolomiti Venete è infatti una straordinaria opportunità di percorrere piste ciclabili o pedonali, come la Lunga Via delle Dolomiti, che permette soste e tappe fuori programmi con la possibilità di fare incredibili scoperte.

La stessa comunità locale approfitta spesso di questa mobilità sostenibile per lunghe passeggiate e, perchè no, per spostarsi tra le varie località del Cadore.

paesaggi-dolomitici-d

Paesaggi dolomitici a Vallesella – Domegge di Cadore

Dove ammirare i migliori paesaggi dolomitici

paesaggi-dolomitici-d

Paesaggi dolomitici a Pieve di Cadore

Le possibili passeggiate sulle Dolomiti Venete sono numerosissime: dalla pista ciclopedonale di Auronzo di Cadore, ai sentieri della prima guerra mondiale, dal Parco Naturale delle Dolomiti d’Ampezzo, alle decine di sentieri naturalistici che permettono di superare anche i 2000 metri raggiungendo stupendi rifugi e sentieri di montagna.

Noi ci siamo serviti proprio della Lunga Via delle Dolomiti per partire da Calalzo di Cadore e scoprire tutte le località del Cadore, dalla tranquilla cittadina di Pieve di Cadore ai rifugi alpini di San Vito di Cadore, dalle fontane di Lozzo di Cadore al piccolo e suggestivo centro storico di Valle di Cadore.

Molto suggestive e accoglienti, le piccole abitazioni in legno del bellunese, ognuna con una propria peculiarità, frutto di un’architettura locale dal carattere unico e tutto da ammirare.

Paesaggi dolomitici in inverno

Le località del Cadore sono considerate il “Regno delle Ciaspe” grazie al gran numero di possibili passeggiate sulle Dolomiti Venete anche durante la stagione invernale. Mentre alcuni sentieri diventano poco percorribili causa ghiaccio, altri permettono di raggiungere quote superiori ai 1800 metri, come il sentiero che porta al Rifugio Scotter partendo da San Vito di Cadore, con la possibilità di assistere a paesaggi dolomitici mozzafiato in cui la neve è protagonista.

Paesaggi dolomitici - San Vito di Cadore

Da non perdere una passeggiata a Sappada per visitare il caratteristico centro storico ed il nuovo parco giochi invernale Nevelandia, in cui grandi e piccini si possono dilettare con i più classici sport invernali: bob, slittino, snowboard e sci.

Paesaggi dolomitici in estate

Quando il clima diventa più mite, le Dolomiti Venete regalano straordinarie passeggiate e paesaggi bucolici che gli amanti della fotografia e della natura non potranno non apprezzare. MTB Dolomiti significa ripercorrere, con la Lunga Via delle Dolomiti, l’area archeologica di Calalzo di Cadore, fino ad arrivare al sentiero naturalistico che da Cortina d’Ampezzo porta verso Dobbiaco e San Candido.

Foto di Paolo Calicchio

Ingegnere Civile, è un sostenitore della causa ambientale. Appassionato di fotografia e di turismo itinerante, ama percorrere sentieri e strade lontane dal turismo di massa, a piedi o con la fedele bicicletta Ridley.

Altre storie e luoghi d'Italia

I nostri consigli di viaggio