Le borgate di Sappada – tra storia e folkore

Oggi ci troviamo in Veneto, al confine con l’Austria: seguiteci in questa passeggiata tra le antiche e caratteristiche borgate di Sappada.

Ci troviamo oggi nella vallata di Sappada, al confine tra Carnia e Comelico, in borgo abitato da una popolazione italiana, a ma di etnia tedesca che ha saputo mantenere inalterate lingua e tradizioni.

Generalità sulle borgate di Sappada

borgate-di-sappada-turismo

Poesia sulle pareti di Sappada

Già dal 1600, le borgate di Sappada venivano indicate con il termine Colli o Masi. L’equivalente termine tedesco Hof si trasformò, col passare del tempo, in heifele, che significa appunto borgata.

Una composizione architettonica ed urbanistica così caratteristica da influenzare addirittura le denominazioni delle famiglie. Ad esempio ancora oggi Colle Hoffe è chiamata Piller Hoffer.

Borgata Lerpa

Tra le borgate di Sappada è certamente la più recente e prende il nome dal Rio Lerpa, su cui si estende. Una piccola chiesetta, realizzata nel 1815, venne fatta costruire nel 1815. Passeggiando per borgata Lerpa si incontrano antichi tracciati del XVI secolo, i resti di un antico ponte in pietra.

Borgata Granvilla

In passato fu la più grande delle borgate di Sappada, fino al 1928, quando un incendio distrusse le caratteristiche abitazioni in legno da cui era formata. Si salvarono solo pochi manufatti, tra i quali l’antica casa patrizia della famiglia Solero, in cui pare abbia soggiornato anche Massimiliano d’Austria.

Nella borgata Granvilla sorge la chiesa principale dedicata a Margherita Vergine e Martire, costruita sulle fondamenta di un’antica chiesa gotica. Sul campanile si leggono ancora le sovrapposizione dello stile rinascimentale prima e tirolese poi.

Borgata Palù

Il suo nome deriva dalla traduzione in italiano del termine tedesco Moos, che indica una zona paludosa. La grande presenza di argille dell’area è stata sfruttata nei secoli scorsi per la fabbricazione di mattoni. Si pensa che anticamente esistessero costruzioni molto più antiche delle attuale, spazzate via, purtroppo, da uno smottamento del monte Morpa.

borgate-di-sappada-abitazioni-in-legno

Piccole caratteristiche abitazioni in legno delle borgate di Sappada

Da vedere i fabbricati più antichi in pietra con coperture a 4 falde. Anticamente questa borgata ospitava anche una chiesa, il cimitero, il municipio e un’osteria. Tra le famiglie storiche la Colle, Colle Palù e Benedetti Palù.

Borgata Bach

Mutua il suo nome dal torrente Bach. Le più antiche costruzioni vennero distrutte da un incendio del 1908 e ricostruite secondo un progetto urbanistico a griglia. La piccola chiesa di Sant’Antonio da Padova è l’edificio più antico della borgata Bach e si caratterizza per uno splendido portale ad arco e stipiti in pietra. Nell’antico edificio scolastico oggi trova spazio il museo etnografico.

borgate-di-sappada-legnaia

Basta poco per decorare le caratteristiche abitazioni delle borgate di Sappada

Borgata Pill

Tra le borgate di Sappada Bach e Pilù, borgata Pill si colloca in una posizione sopraelevata, lungo l’antica strada San Marco. La famiglia originaria e, ovviamente, la Piller.

Borgata Mühlbach

Gli antichi mulini e segherie si trovavano proprio lungo il rio Mülbach, da cui il nome di quest’antica borgata. Una volta qui si trovavano varie attività sociali, come un asilo, un’osteria, un municipio,… tutte trasferitesi col tempo. In questa borgata è visibile l’unico esempio di una casa in legno a tre piani. Partendo da valle si estende una via Crucis dedicata al Calvario di Cristo, al termine della quale c’è la chiesetta della borgata.

borgate-di-sappada-via-crucis

La via Crucis tra le borgate di Sappada

In zona sono da vedere il Piccolo Museo della Grande Guerra e una grande cascata, certamente una delle attrazioni più suggestive e meno note da vedere a Sappada.

Borgata Cottern

Situata sull’omonimo colle Cottern, la borgata Cottern merita di essere vista per l’antica cappella dedicata alla Santissima Trinità.

Borgata Hoffe

La piazza principale della borgata si trova dove una volta si trovava la più antica abitazione, quella della famiglia Hoffer. Impreziosisce la borgata di questa vallata la piccola chiesa dedicata a San Giovanni Bosco.

borgate-di-sappada-edicole-votive

Una delle tante edicole votive che si incontrano passeggiando tra le borgate di Sappade

Borgata Fontana

borgate-di-sappada-sorgenti

Una delle tante sorgenti che sgorgano tra le borgate di Sappada

Il nome è dovuto alle varie sorgenti d’acqua che nascono a monte della borgata e che una volta alimentavano le numerosi fonti della zona. Ancora oggi sono visibili tre caratteristiche fontane. Le case sono quasi tutte antiche e in stile originale, anche se non sorgono edifici sacri, come cappelle o chiese.

Borgata Kratter

Sorge in prossimità del Rio Kratter, da cui prende il nome. Annessa alla borgata, oltre alle splendide case in legno, anche una piccola chiesetta eretta nel 1920 in onore della Madonna di Lourdes.

Borgata Soravia

Epoche diverse connotano gli stili degli edifici realizzati in una borgata che ospita un’antica chiesetta edificata nel 1891 e dedicata a San Giuseppe. La chiesa moderna, dedicata alla Regina della Pace, venne realizzata in seguito ad un voto che gli abitanti fecero durante il secondo conflitto mondiale.

Borgata Ecke

Ospita una caratteristica ed antica abitazione in muratura, con un portale d’ingresso ad arco. Da questa abitazione, maso Ecke, prende il nome l’intera borgata. L’edificio di culto risale invece al 1930 ed è dedicato a Sant’Antonio da Padova.

Borgata Puicher

Situata sul Colle Puicher, colle dei faggi, la borgata si sviluppa attorno ad un antico maso, realizzato in pietra e legno. Una volta esistevano in zona mulini e fucine di fabbri ferrai, che sfruttavano la forza dell’acqua. La chiesetta di Santa Maria Assunta fu realizzata nel 1901.

Borgata Cretta

Si trova in prossimità del fiume Piave, sotto un costone roccioso (Cret in carnico) da cui il nome Cretta della Borgata. Qui sorgono poche abitazioni in legno ed una più antica in muratura.

chiese-borgate-di-sappada

Le piccole cappelle di Sappada d’inverno accolgono i visitatori con suggestive musiche natalizie

Borgata Cima Sappada

E’ situata a Sinistra orografica del Piave ed è al confine con la Carnia. Sorge su un altopiano, zum Poden = sul Piano, da cui il nome Cima Sappada. L’abitato ha da sempre avuto rapporti con i vicini popoli della Carnia e addirittura abbia un’origine differente dalla vicina Sappada. L’antico nucleo abitato conserva ancora le caratteristiche originarie, anche se si distinguono chiaramente alcune abitazioni in stile slavo oltre carinziano e tirolese. La chiesa è dedicata a S. Osvaldo e ha un piccolo cimitero.

Scendiamo nuovamente ora, verso la valle principale, per scoprire cosa vedere a Sappada, il paese che coniuga tradizioni e costumi delle Dolomiti Venete, friulane e austriache.

Un libro per saperne di più…

cosa-vedere-a-sappada-carnevale

Fotografie: Paolo Calicchio

Ingegnere Civile, è un sostenitore della causa ambientale. Appassionato di fotografia e di turismo itinerante, ama percorrere sentieri e strade lontane dal turismo di massa, a piedi o con la fedele bicicletta Ridley.

Altre storie e luoghi d'Italia

I nostri consigli di viaggio