Territorio e verticalità, la Costiera Amalfitana

Un viaggio tra le particolarità della costiera considerata tra i luoghi più belli d’Italia: itinerari, territori, paesaggi e viabilità unica per arrivare e visitare la Costiera Amalfitana.

Visitare la Costiera Amalfitana significa dover fare i conti anche con strutture orogenetiche che hanno reso totalmente unico e spettacolare questo mondo impervio da apparire quasi inabitato. La spina dorsale della Costiera Amalfitana inizia da Vietri sul Mare, famosa per le sue ceramiche e piastrelle e prosegue per la città di Amalfi, con il suo storico Duomo.

Gli itinerari della Costiera Amalfitana disegnano i confini tra il Golfo di Napoli, con la meravigliosa penisola sorrentina, e quello di Salerno e presentano una distesa rocciosa senza soluzione di continuità con la catena dei Monti Lattari, che offre uno scenario spettacolare.

visitare-la-costiera-amalfitana-c

Visitare la Costiera Amalfitana significa assaporare ogni colore e tradizione

La Costiera Amalfitana: un sistema di vita verticale

Mentre la parte del versante settentrionale che si affaccia verso Sorrento si rivolge verso il mare con pendii relativamente più dolci e con ampi pianori, visitare la Costiera Amalfitana dal versante meridionale significa ammirare notevoli pendenze e panorami a strapiombo sull’incantevole mare.

La natura aspra e tortuosa del territorio ha costretto gli abitanti ha organizzare la propria vita in modo verticale: le colture, le abitazioni e gli spostamenti avvengono sempre dal basso verso l’alto o viceversa.

paesi-della-costiera-amalfitana-a

I colori dei paesi della Costiera Amalfitana

Costiera Amalfitana: itinerari e viabilità

I collegamenti terrestri lungo questi territori hanno rappresentato un annoso problema sia per gli abitanti sia per i turisti che desideravano visitare la Costiera Amalfitana. Infatti, la strada statale 163, che inizia da Vietri sul Mare e arriva fino a Positano, faticosamente riesce a seguire gli andamenti naturali del territorio e, a volte, sembra inghiottita dalle stesse pareti di rocce che accompagnano tutti gli itinerari della Costiera Amalfitana.

Questa via di comunicazione fu inaugurata nel 1840 e la sua realizzazione impose una complessa e lunga lavorazione per le condizioni estreme del territorio.

I terrazzamenti della Costiera Amalfitana

Oltre al sistema viario, la configurazione estrema dei territori ha generato una struttura architettonica adeguata.  Infatti, gli itinerari della Costiera Amalfitana permettono di ammirare i borghi urbani con case addossate una all’altra simili a delle cascate bianche in procinto di finire nelle limpide acque del mare sottostante.

cosa-vedere-a-cetara-c

Il sistema verticale delle città della Costiera Amalfitana

Questa particolare struttura architettonica ha assunto anche un significato strategico perché, mentre storicamente permetteva alle città di difendersi dagli attacchi via mare, logisticamente permette di ripararsi in maniera ottimale dal sole e dal vento sempre presenti in questi territori.

Lo scrittore Roberto Bacchelli ricorda il suo soggiorno a Positano nel 1926 descrivendolo come un momento in cui l’uomo poteva godere in un unico luogo di sole, mare, sale e vento che penetravano nel suo corpo e rinforzavano la sua salute.

Visitare la Costiera Amalfitana, quindi, può offrire non solo spettacoli per le proprie emozioni e sentimenti ma rappresenta un vero toccasana per il corpo.

Daniele Calabrese

Studiando Comunicazione a Salerno e a Roma, promuove per passione il turismo e la cultura del proprio territorio. Ama scoprire nuove realtà, culture e paesaggi. Si impegna come autore free-lance a far conoscere eventi e bellezze naturali della provincia di Salerno.

I nostri consigli di viaggio