Il Comune di San Cipriano Picentino tra storia e natura

Collocato su una collina alle pendici del monte Monna, il Comune di San Cipriano Picentino si compone di diverse frazioni che conservano tuttora il fascino della loro storia.

La storia del Comune di San Cipriano Picentino

Così come gli altri paesi dei Monti Picentini, come Montecorvino Rovella, Giffoni Valle Piana e il suo borgo di Terravecchia, Giffoni Sei Casali con gli antichi casali di Sieti e Capitignano, Faiano o Acerno, San Cipriano Picentino affonda le sue origini alla distruzione della città di Picentia ad opera dei Romani guidati da Silla nell’anno 89 a.C., quando per evitare nuove rivolte da parte di una popolazione poco favorevole alla dominazione romana, l’impero ne obbligò gli abitanti a costituire piccoli insediamenti più facilmente controllabili che, nei secoli successivi, diverrano gastaldati in epoca medievale e contee e baronie sotto il dominio normanno.

san-cipriano-picentino-e

Una tipica stradina di San Cipriano Picentino

L’origine del nome San Cipriano Picentino sarebbe da ricondurre, secondo vari studi, a Tascio Cecilio Cipriano, santo martire cristiano, come dimostrerebbe anche la notizia, risalente all’anno 1049, della presenza di una Chiesa a lui dedicata per volere del principe Guaimaro V.

Oggi San Cipriano Picentino si compone del capoluogo sede del Municipio e di quattro frazioni: Vignale, Pezzano, Filetta e Campigliano.

Una passeggiata nel Comune di San Cipriano Picentino

Passeggiando per le strade del Comune di San Cipriano Picentino, ancora oggi è possibile osservare tra i numerosi vicoli costruzioni appartenenti a epoche diverse, quasi tutte ottimamente conservate e in grado di far rivivere ai visitatori le emozioni di un vero e proprio tuffo nel passato.

san-cipriano-picentino-a

La Cappella della Madonna del Carmelo di San Cipriano Picentino

Storia, cultura e natura si intrecciano, infatti, in interessanti percorsi tutti da scoprire, che prendono il nome di Itineria Picta. Tali itinerari si ricollegano a due dei principali personaggi di cultura vissuti proprio a San Cipriano Picentino, ossia Jacopo Sannazzaro e Benedetto Croce.

Cosa visitare nel Comune di San Cipriano Picentino

Visitare San Cipriano Picentino riserva molte sorprese, a partire dai numerosi edifici, sia civili che sacri, di assoluto interesse storico e artistico. Già poco prima dell’ingresso nel Paese, la piccola Cappella della Madonna del Carmelo, che dà nome anche al parco verde circostante, presenta al suo interno interessanti affreschi, mentre dipinti del XVII sec. sono conservati all’interno della Chiesa Madre V. M. di Cartagine, alla quale si affianca la Cappella della Confraternita di San Giuseppe.

san-cipriano-picentino-c

La Chiesa Madre di San Cipriano Picentino

 A epoche differenti risalgono, invece, la Chiesa di S. Eustachio (XI sec.) e le Chiese di S. Andrea Apostolo e la Cappella Maria SS. Immacolata (XIII sec.), o ancora il Convento di S. Francesco da Paola, fondato nel 1631, e la Chiesa di S. Giovanni Battista.

Storia e architettura

Non meno importanti, anche a livello architettonico, sono i palazzi signorili dislocati nelle varie zone del Comune di San Cipriano Picentino e nelle sue frazioni, come il caratteristico borgo di Vignale, tra i quali spicca a pochi metri dalla Chiesa Madre, Palazzo Cioffi, mentre rilievo storico particolare rivestono i resti del Castello di Montevetrano, che si erge sull’omonima collina, e gli scavi di un’antica villa romana in località Pozzilli.

san-cipriano-picentino-d

Dettaglio di un portone nel centro storico di San Cipriano Picentino

Percorsi naturalistici a San Cipriano Picentino

Da non sottovalutare, infine, l’aspetto naturalistico, del quale il Comune di San Cipriano Picentino, così come gli altri centri dei Monti Picentini, possono farne uno dei principali motivi di vanto. Le verdeggianti montagne circostanti offrono, infatti, agli amanti delle escursioni numerose possibilità, tra cui l’antico sentiero di gradoni di travertino che dal Parco della Madonna del Carmelo conduce in cima alla panoramica Croce di Pezzano.

san-cipriano-picentino-b

Uno scorcio del Parco della Madonna del Carmelo a San Cipriano Picentino

Una gita alla riscoperta delle tradizioni

Non rimane che rinnovare l’invito a visitare San Cipriano Picentino e gli altri paesi del Parco dei Monti Picentini, magari in occasione di qualche rinomato evento tradizionale, come l’ormai consueta Sagra della Castagna, che si tiene proprio a San Cipriano nel mese di ottobre.

Un libro per saperne di più…

monti-picentini-salerno-escursioni

Foto di Mario Esposito

Mario Esposito

Studente e lavoratore in ambito economico, è un inguaribile nostalgico di qualsiasi epoca che non sia la sua. Da quando ha scoperto il turismo sotto casa, lo si vede spesso aggirarsi per centri storici e parchi, lontano dal caos e dalla monotonia quotidiana. Con un libro, una birra e della buona musica è possibile addomesticarlo.

Altre storie e luoghi d'Italia

I nostri consigli di viaggio