Cosa vedere a Palinuro, tra mare e tradizioni del Cilento

Personaggi mitologici, storie fantastiche, magnifici paesaggi naturali e spiagge incantevoli: tutto questo è visitare Palinuro e i visitare il Cilento.

cosa-vedere-a-palinuro-a

Cosa vedere a Palinuro? Le acque più azzurre d’Italia

Quando ci si addentra nello splendido territorio naturale del Parco Naturale del Cilento, dopo aver superato alcune magnifiche località di mare come S. Maria di Castellabate e Agropoli, il paesaggio che si presenta dinanzi ai propri occhi assume qualcosa di fantastico e paradisiaco.

La parte meridionale della provincia di Salerno offre alla vista dei turisti un mix di borghi antichi, come Pisciotta, e ambienti marini, come Punta Tresino, riconosciuti a livello nazionale con l’assegnazione annuale delle bandiere blu di Legambiente, testimonianza dell’ottima organizzazione turistica, dell’attenzione per la tutela del territorio e per la capillare promozione di quest’ultimo.

Cosa vedere a Palinuro e dintorni

Il territorio si presenta come un immenso arco di roccia frastagliato che si protende nel mare e funge da protezione e porto naturale per i naviganti.

Visitare Palinuro non significa però solo mare e divertimento estivo nelle numerose strutture ricettive e turistiche locali.

Infatti, il carattere aspro e forte della costa dei visitare il Cilento è caratterizzato dalla classica macchia mediterranea di questi territori che tra cespugli di mirto e ginestre, presenta anche la famosa Primula Palinuri, un originale fiore che cresce ed è un’esclusiva assoluta di questa zona.

Il mito e la storia di Palinuro

Lo straordinario fascino si ritrova anche nell’origine di questo luogo che deve il suo nome a un personaggio mitico, Palinuro, nocchiero di Enea che si innamora di una splendida fanciulla e segue la sua immagine in fondo alle scogliere del Capo, mentre il dio del sonno lo fa addormentare e lo getta nelle limpidissime acque del mare dove perde la vita.

cosa-vedere-a-palinuro-b

Cosa vedere a Palinuro? Le spiagge con le caratteristiche formazioni rocciose

“…Infatti, i popoli vicini, spinti in lungo e largo per le città da prodigi celesti cercheranno di placare le tue ossa e innalzeranno un tumulo e sulla tua tomba condurranno vittime sacre e il luogo avrà in eterno il nome di Palinuro”(VI libro, Eneide)

Visitare Palinuro e il suo turismo

Oggi, visitare Palinuro significa apprezzare un centro che affida le sue risorse essenzialmente al turismo, sostenuto da un clima mite che permette di usufruire del mare per dieci mesi l’anno e una splendida natura incontaminata.

Accanto alle tradizionali strutture turistiche alberghiere, il territorio è stato capace di ospitare forme ricettive come camping e agriturismi. In particolare, gli ultimi sono molto diffusi e permettono di far conoscere appieno l’ospitalità dei paesi del Cilento, e di gustare i naturali prodotti tipici del Cilento che sono alla base della salutare dieta mediterranea.

Da non perdere la famosa spiaggia delle saline e la suggestiva Grotta Azzurra di Palinuro.

cosa-vedere-a-palinuro-c

Cosa vedere a Palinuro? La Grotta Azzurra

Cosa vedere a Palinuro? La bellezza dei tramonti infuocati, la forma delle anse rocciose, gli archi naturali illuminati in controluce e le spiagge bianche che rendono questa località come una delle più belle non solo tra i visitare il Cilento, ma d’Italia e del mondo.

Foto di Giullo Nepi | hotel-palinuro | panoramio.com | arconaturaleclub.it

Daniele Calabrese

Studiando Comunicazione a Salerno e a Roma, promuove per passione il turismo e la cultura del proprio territorio. Ama scoprire nuove realtà, culture e paesaggi. Si impegna come autore free-lance a far conoscere eventi e bellezze naturali della provincia di Salerno.

Altre storie e luoghi d'Italia

I nostri consigli di viaggio