Cosa vedere a Battipaglia, tra tradizione e innovazione

Cosa vedere a Battipaglia? Diventata una dei paesi più popolosi della provincia di Salerno, Battipaglia ha subito radicali trasformazioni: da colonia agricola è diventata nel secondo dopoguerra una colonia industriale.

cosa-vedere-a-battipaglia-a

La costiera amalfitana vista dalla collina del Castello di Battipaglia

Per chi come noi ha la possibilità di fare zapping tra i vari paesi della Campania, è interessante ricordare che la città di Battipaglia, nel 1986 fu inserita nella lista dei cento comuni d’Italia che, per il progresso economico e civile, avevano reso più grande l’Italia. Quasi tutto è cambiato da allora e molti dei punti di eccellenza si sono uniformati alla squallida politica del cemento degli ultimi trent’anni. Dunque cosa vedere a Battipaglia?

Cosa vedere a Battipaglia? Tradizioni e gusto

La vocazione agricola di questo territorio è testimoniata dalle numerose aziende che costellano la periferia di Battipaglia. E’ questa un’area di masserie ed antichi casali, molti di questi risalenti al ‘600 e direttamente collegati ai moti rivoluzionari di Masaniello, come la Masseria del Belvedere. Alcuni versano in stato di abbandono, mentre altri sono stati restaurati e rappresentano l’eccellenza casearia di quel territorio che si estende fino ai templi di Paestum: famosissima è diventata a livello internazionale la Mozzarella di Battipaglia.

cosa-vedere-a-battipaglia-b

Cosa vedere a Battipaglia? I Caseifici … In foto il Caseificio Gammella

Consigliamo anche una passeggiata sul Castello di Battipaglia, chiamato La Castelluccia, da cui è possibile ammirare lo straordinario paesaggio offerto dal Golfo di Salerno: a sinistra la visitare il Cilento e a destra la Costiera Amalfitana.

Infine per chi come noi ama le escursioni nella natura, consigliamo di raggiungere la vicina Olevano Sul Tusciano, da cui si dipartono numerosi sentieri. Tra questi il sentiero naturalistico che porta alla Grotta di San Michele.

cosa-vedere-a-battipaglia-d

La Castelluccia, il Castello di Battipaglia

Cosa vedere a Battipaglia? I reperti storici

Il locus Tuscianus è una porzione del territorio le cui fonti risalgono all’alto medioevo. La storia di Battipaglia coinvolge direttamente i potenti principi di Salerno che decisero di dividere il territorio in due zone. La parte collinara fu chiamata Castrum Olibani (l’attuale Olevano sul Tusciano) e quella marina continuò a chiamarsi locus Tuscianus.

E’ il fiume Tusciano il protagonista della storia di Battipaglia che, scendendo dalle sorgenti di Acerno, percorre sentieri antichissimi, molti dei quali non hanno una datazione precisa a causa dell’assenza di fonti storiche.

La Chiesa salernitana e il principi longobardi avevano qui molte tenute: terras de Fasanaria (sulla strada che porta verso il mare), la Castelluccia Battipalie (l’attuale Castelluccia di Battipaglia) e feudi vari con eccellenti produzioni: fichi, oliveti e castagni di pianura.

Cosa vedere a Battipaglia? Tracce di storia in una città industriale

La città di Battipaglia nacque ufficialmente il 28 marzo del 1929, ma in realtà già all’epoca borbonica, il governo scelse questo territorio per la fondazione di una nuova Colonia agricola in cui accogliere 120 famiglie colpite dal terremoto in Basilicata e visitare il Cilento. La “città nuova” della Piana del Sele fu così popolata e presto iniziarono a sorgere uffici e servizi e la prima scuola primaria, la scuola E. De Amicis (1931-1932) diventata presto, assieme al Castello di Battipaglia, un simbolo cittadino.

cosa-vedere-a-battipaglia-e

La piazza principale della città di Battipaglia con le scuole de Amicisi

La città venne quasi completamente rasa al suolo a causa dei devastanti bombardamenti dell’aviazione anglo-americana nel 1943. Fu sorprendente la ripresa economica che portò a un vero e proprio boom. Negli anni Sessanta divenne così un polo industriale con una crescita molto disordinata che ha portato alla formazione di un centro urbano congestionato e che ha abbandonato l’originaria vocazione agricola. Oggi la città ha superato i 50.000 abitanti.

Un libro per saperne di più…

cosa-.vedere-a-battipaglia-castelluccia

Foto di Paolo Calicchio | Carmine Sica | Caseificio Gammella

Ingegnere Civile, è un sostenitore della causa ambientale. Appassionato di fotografia e di turismo itinerante, ama percorrere sentieri e strade lontane dal turismo di massa, a piedi o con la fedele bicicletta Ridley.

Altre storie e luoghi d'Italia

I nostri consigli di viaggio