Il comune di Cairano e l’Alta Irpinia

Piccolo borgo dell’Alta Irpinia il comune di Cairano conta circa 330 abitanti e vanta una posizione panoramica straordinaria tra la Valle dell’Ofanto e quella del Sele

comune-di-cairano-a

Veduta del comune di Cairano

Dopo aver visitato l’Oasi WWF del Lago di Conza, ci dirigiamo verso Cairano, un paese sostenibile per definizione. L’intero complesso urbano di Cairano è orientato verso sud, sfruttando in questo modo la massima esposizione solare.

Il borgo medievale di Cairano conserva integro il suo fascino con una forma circolare simile a un anfiteatro che ha la sua massima pendenza proprio nella zona più centrale.

comune-di-cairano-d

Una piazza nel comune di Cairano, in lontananza il progresso

La pietra locale lastrica le strette stradine di un borgo, in cui sulle piccole abitazioni si possono leggere le date di fondazione. Il comune di Cairano ha una forma ascendente perchè anticamente esisteva un castello posto sulla cima del monte, a 810 metri s.l.m.

comune-di-cairano-g

Piccole case in pietra nel comune di Cairano

Architettura civile e rurale si fondono nel comune di Cairano per dar vita a un patrimonio straordinario, danneggiato tuttavia dal famoso sisma dell’Irpinia del 1980. Per la strada per arrivare in paese si vedono ancora roulotte e strutture temporanee per ospitare i terremotati. Ma anche nel borgo il sisma ha lasciato le sue tracce: numerose abitazioni sono crollate, altre inagibili … un patrimonio che lentamente sfiorisce.

Il borgo medievale di Cairano mostra un fascino passato, una tranquillità andata perduta nelle grandi città e un’aria piacevolmente fresca. Tutto tace nell’odierna Cairano, non un sussulto, niente traffico, niente urla, la natura domina il paesaggio che sin dall’inizio toglie il fiato.

comune-di-cairano-b

Una suggestiva di Cairano sul Lago di Conza

Dal secondo dopoguerra il piccolo paese agricolo ha subito un lento e costante spopolamento: nessuno sviluppo, nessuna attrattiva che hanno portato la popolazione dai 1500 ai meno di 400 attuali.

Ci avventuriamo verso la zona alta, dove una volta sorgeva il castello di Cairano. Prati fioriti ci accolgono piacevolmente, accompagnando la nostra scalata fin sopra la vetta, fino a toccare il punto più alto, dove il paesaggio ci incanta: il Lago di Conza e le alture dell’Alta Irpinia fanno da protagonisti.

comune-di-cairano-e

Una veduta sulla valle dell’Alta Irpinia da Cairano

La storia del comune di Cairano

Nell’area del comune di Cairano sono stati trovati abbondanti ritrovamenti archeologici appartenenti all’Età del Ferro, considerate le più antiche di tutta la Campania. Intere necropoli nelle cui tombe vennero rivenute spille, elmi, vasi e coltelli, custoditi oggi nel Museo Irpino di Avellino e risalenti tra il IX e il VII secolo a.C.

Il livello tecnologico di queste primitive forme umane era già notevole, tanto da lavorare abilmente i metalli.

Il nome Cairano deriva, secondo le testimonianze di Plinio il Vecchio, dal nome Castellum Carissanum (antico nome del borgo) o dal termine Car-janus (monte di Giano). E’ certo che già nel 1500 il paese fosse chiamato già Cairano.

Occupata dai Goti dopo la caduta dell’impero romano, furono in seguito partecipi nella spedizione in Terra Santa con 6 cavalieri nobili.

Il 23 novembre 1980 il sisma di magnitudo 6,5 della Scala Richter devastò il territorio: Cairano subì ingenti danni, qualche ferito, ma fortunatamente nessun morto.

comune-di-cairano-h

Verso la parte alta del paese

Le tradizioni del Comune di Cairano

Tradizionale di Cairano è il gioco della Rottura della Pignatta, una piccola giara che va rotta durante il periodo del Carnevale, mentre si è bendati. Interessante è la Via Crucis che si svolge a partire dalla Chiesa Madre e rivive l’intero Calvario di Cristo. Mentre alcuni conducono la statua del Cristo morto, le bambine chiudono il corteo vestite tutte in bianco con una cintura in nastro nero.

Curiosità sul comune di Cairano: La donnaccia

Nel 1963 venne girato un film neoralista: La donnaccia, a cui parteciparono anche gli abitanti del comune di Cairano, sia come comparsa che come attori. Il film affronta il tema dell’emigrazione e della superstizione in un periodo critico come quello in cui il neorealismo ha avuto maggiore splendore.

Foto di Paolo Calicchio

Ingegnere Civile, è un sostenitore della causa ambientale. Appassionato di fotografia e di turismo itinerante, ama percorrere sentieri e strade lontane dal turismo di massa, a piedi o con la fedele bicicletta Ridley.

Altre storie e luoghi d'Italia

I nostri consigli di viaggio