Visitare il comune di Baronissi

Visitare Baronissi e le sue frazioni significa esplorare un territorio ricco di eccellenze naturalistiche, come la vicina Oasi del Frassineto, o religiose, come il Convento di Baronissi.

comune-di-baronissi-a

Il centro del Comune di Baronissi

Il Comune di Baronissi si trova nella provincia di Salerno e si sviluppa lungo la SS88 a pochi chilometri a nord dalla città capoluogo di provincia, famosa, tra le tante cose, per il Castello Arechi, il Duomo di Salerno e il suo lungomare dal quale si ammirano splendidi panorami del Cilento e della Costiera Amalfitana.

Il comune di Baronissi è facilmente raggiungibile per chi si trova a visitare Salerno, passando per la località Fratte, area archeologica etrusco-sannitica e importante in età contemporanea per le industrie cotoniere di fondazione belga.

Il comune di Baronissi conta una popolazione di circa 17mila abitanti dislocati in diverse frazioni tra le quali Sava è quella più numerosa, mentre nei pressi di Capo Saragnano si trova il Parco Regionale Naturale Diecimare.

Comune di Baronissi, il Convento 

Il Convento di Baronissi sorge su una piccola collinetta chiamata “monticello” e risale ai primi del ‘400 ai tempi di San Bernardino da Siena e San Giovanni da Capestrano.

Il Convento di Baronissi è posto a pochi passi dal centro cittadino e svetta sul resto del paese dominando l’intera valle dell’Irno, dando la possibilità al visitatore di perdersi nello sguardo sugli straordinari monti Picentini. Perfettamente conservato, il convento di Baronissi ospita oggi numerose mostre artistiche temporanee grazie alla dedizione del FRAC (Fondo Regionale d’Arte Contemporanea).

comune-di-baronissi-b

Vista dalla collina del comune di Baronissi

Il portale di ingresso alla chiesa, con cornice in piperno, ha un arco ribassato in stile catalano mentre all’interno della chiesa si ammirano affreschi di Angelo Michele Ricciardi, pittore settecentesco nativo di Penta, località appartenente al comune di Fisciano.

La chiesa del SS Salvatore di Baronissi si trova anch’essa su una collina, quella di Savagnano, e in essa si segnala la presenza della bella statua dell’Assunta realizzata dall’artista Nicolò Fumo, originario proprio di questa frazione.

Oasi del Frassineto Baronissi e Pizzo San Michele

frassineto-salerno-b

L’acqua dell’Oasi del Frassineto – Salerno

Il comune di Baronissi è perfettamente integrato con splendide realtà naturalistiche che la circondano. La prima da visitare, grazie ai numerosi percorsi ed attrezzature per lo sport e per il pic nic è certamente l’Oasi del Frassineto di Baronissi.

Gestito da volontari di Legambiente Valle dell’Irno, l’Oasi del Frassineto di Baronissi è provvisto di tabelle e sentieri per approfondire alcune tematiche legate alla sostenibilità ambientale: dall’apicoltura alle antiche tecniche di raccolta della legna, dalle indicazioni con la flora e la fauna presenti agli antichi strumenti di lavoro. L’Oasi del Frassineto è insomma un museo a cielo aperto in uno straordinario contesto naturalistico.

Altro percorso che certamente ci sentiamo di consigliare è il Pizzo San Michele. Si tratta di un sentiero che parte da una piccola frazione del comune di Baronissi e poco distante dall’Oasi del Frassineto. Mentre nel convento di Baronissi si possono ammirare capolavori artistici e culturali, il Pizzo San Michele è il luogo del trekking e del contatto con la natura. Un’arrampicata salendo sempre di quota fino a raggiungere un’ameno rifugio sulla cima della montagna, dove la vista può perdersi dal Vulcano Vesuvio alla visitare il Cilento.

La storia del comune di Baronissi

Chi ha avuto la possibilità di visitare Salerno, sa già quanto le dominazini francesi e spagnole siano state importanti nell’età moderna. La costituzione del comune di Baronissi si deve essenzialmente all’azione di due importanti personaggi storici; il primo è Giuseppe Bonaparte, re di Napoli e poi di Spagna, che abolì il sistema feudale mentre il secondo, Gioacchino Murat, proclamò il 26 Gennaio 1810, la nascita del comune di Comune di Baronissi.

comune-di-baronissi-b

La villa del comune di Baronissi, il giardino pubblico centrale

L’origine del nome, invece, si deve probabilmente alla baronia, termine del mondo feudale che indicava il possedimento o la giurisdizione su territori da parte di un signore.

Gli eventi culturali del Comune di Baronissi

Ogni anno proprio a ridosso del Convento di Baronissi, si svolge un’interessante manifestazione artistica e culturale dedicata ai più giovani. Centinaia di artisti vengono da tutto il mondo per proporre le loro opere di Stree Art sulla parete di base del Convento di Baronissi, che in questo modo, in ogni periodo dell’anno, è un’esplosione di colori su una specifica tematica.

comune-di-baronissi-c

Comune di Baronissi: street art al convento

Dal 1995, inoltre funziona la Casa della Poesia, sia come struttura fisica sia come luogo d’incontro e manifestazioni poetiche e culturali in genere. Dal 2008 è presente anche una Casa dei poeti che presenta all’interno una biblioteca, una videoteca, uno spazio per performance artistiche e letture di poesie.

Cosa non perdere nel comune di Baronissi

Essendo una zona molto vicina ai plessi universitari, esistono numerosi locali dedicati ai più giovani e facilmente raggiungibili a piedi. Dai pub alle trattorie, viene servita la migliore cucina casereccia a prezzi più che accessibili.

Perchè dunque non organizzare un sabato pomeriggio all’insegna della cultura e delle manifestazioni organizzate nel Convento di Baronissi e poi una deliziosa cena fuori low cost?

Foto di Paolo Calicchio

Daniele Calabrese

Studiando Comunicazione a Salerno e a Roma, promuove per passione il turismo e la cultura del proprio territorio. Ama scoprire nuove realtà, culture e paesaggi. Si impegna come autore free-lance a far conoscere eventi e bellezze naturali della provincia di Salerno.

Altre storie e luoghi d'Italia

I nostri consigli di viaggio