La Chiesa di Santa Maria de Alimundo di Salerno

La Chiesa di Santa Maria de Alimundo è una delle più antiche costruzioni di Salerno. Oggi è visitabile solo esternamente: ecco cosa nasconde questo piccolo e antico gioiello.

santa-maria-de-alimundo-salerno-architettura

Santa Maria de Alimundo – Salerno


 

Informazioni generali

santa-maria-de-alimundo-salernoLa chiesa di Santa Maria de Alimundo è uno dei beni di cui si parla maggiormente oggi a Salerno. Si tratta di un’antichissimo edificio religioso, oggi abbandonato, e su cui si lavora per ottenere una ristrutturazione funzionale che ne ripristini l’originario splendore.

Passeggiando per via Torquato Tasso a Salerno è impossibile non notarla: piccola quanto suggestiva, nasconde una storia interessante e nei cui dintorni sono cresciuti personaggi illustri come Masuccio Salernitano e Alfonso Gatto.

Il nome della struttura deriva dal dialetto salernitano “a lu monte”, ossia in cime al monte. La chiesa infatti si trova in una zona alta della città.

La storia della Chiesa

Ci troviamo nel cuore del centro storico di Salerno, nel quartiere Santa Maria delle Grazie, nascosta tra vicoletti e scalinate tortuose. La Chiesa di Santa Maria de Alimundo è un vero gioiello della Salerno antica: la struttura risale alla seconda metà del X secolo ed è l’unica Chiesa ad architettura gotica presente a Salerno.

Nell’anno 1.000 era una delle Chiese di Salerno che partecipava direttamente durante i festeggiamenti per le spoglie del patrono San Matteo.

santa-maria-de-alimundo-salerno-facciata

A partire dal XVI secolo l’edificio ha subito diversi interventi che hanno completamente modificato il disegno architettonico originario. Accanto alle caratteristiche decorazioni barocche, tuttavia, si notano ancora alcuni segni dell’originaria struttura gotica, come l‘arco a sesto acuto e la fascia di archi intrecciati.

Nel XIX secolo la parrocchia venne soppressa e divenne una scuola elementare con un buon intervento di riqualificazione. Nel XX secolo la chiesa è stata prima abitazione privata, poi scuola elementare, infine un semplice deposito, oggi pericolante ed abbandonato.

Curiosità sulla Chiesa Santa Maria de Alimundo

Proprio nella zona della chiesa, chiamata S. Maria de Ulmo fino al 1400, c’era la dimora di Masuccio Salernitano, famoso scrittore salernitano del Rinascimento, nonché autore de “Il Novellino”.

Secondo i documenti ritrovati dagli storici l’antica chiesa di Santa Maria de Alimundo potrebbe essere in realtà anche il luogo di sepoltura dello scrittore. In realtà dei lavori di scavo non sono mai stati eseguiti fino ad oggi, nonostante la leggenda narra che l’autore sia sepolto proprio al centro della chiesa, senza però nessuna indicazione.

La chiesa oggi e le speranze per il futuro

Oggi Santa Maria de Alimundo versa purtroppo in stato di totale abbandono. La Chiesa inoltre, nel corso dei secoli, è stata in parte inglobata dai palazzi circostanti.
Alcuni cittadini salernitani, tuttavia, consci del suo importante valore storico, ne stanno promuovendo il recupero attraverso iniziative promosse attraverso i mass media ed i social network.

E’ fondamentale che un patrimonio architettonico e culturale così importante per una città come Salerno non vada dimenticato.

Dove si trova e come raggiungere la chiesa

Cosa vedere nei dintorni

La piccola chiesa di Santa Maria de Alimundo si trova in via Torquato Tasso, una stradina ricca di interessanti spunti per chi vuole visitare Salerno nei suoi luoghi più caratteristici.

Proprio nei dintorni, oltre al celebre Duomo di Salerno, è possibile visitare il complesso di Santa Sofia e il caratteristico vicolo delle Botteghelle. Da non perdere la passeggiata attraverso via Torquato Tasso alla scoperta di antiche dimore nobiliari come Palazzo Ruggi d’Aragona e Palazzo Conforti.

Scopri la guida di Salerno

cosa-vedere-a-salerno-campania

Eugenio Mucio

Pigro, casalingo, sociofobico, ma per fortuna prova un grande amore per la sua terra di origine, tanto da mantenere vivi sia i suoi contenuti che (finora) se stesso.

Altre storie e luoghi d'Italia

I nostri consigli di viaggio