Chiesa di San Giacomo – Feltre

La Chiesa di San Giacomo Maggiore è un piccolo edificio ricco di opere d’arte che vi consigliamo di visitare. Ecco cosa vedere…


La Chiesa di San Giacomo Maggiore si trova nel centro storico di Feltre in via Mezzaterra, la strada che porta a Piazza Maggiore e alla Cattedrale. Un edificio che consigliamo di vedere ai turisti perchè ricco di storia e di straordinarie opere d’arte. Ecco come raggiungerla.

 – Scopri Alberghi e B&B a Feltre –

san-giacomo-feltreLa chiesa di San Giacomo Maggiore di Feltre è dedicata all’apostolo San Giacomo detto “il Maggiore”. Fu costruita alla fine del 1400 da “Alessandro taiapria” al posto di un precedente oratorio esistente già nel 1300.

La Chiesa era una costruzione rettangolare ad aula unica coperta da due crociere e disposta da nord a sud, all’interno della cinta muraria della città di Feltre. La facciata è rivolta alla strada di Mezzaterra, la lunga via del centro storico cittadino, ed è perfettamente allineata con gli edifici limitrofi.

La facciata della Chiesa di San Giacomo fu realizzata nel 1480, anno in cui risalgono i primi documenti in merito ai lavori per il portale in pietra scolpita. Questo è sormontato da una lunetta e da due finestre centinate. Nella lunetta sopra il portale fu dipinta, verso la fine del XV secolo, l’immagine della Madonna col Bambino tra San Giacomo e San Vittore, patrono della città di Feltre.

Con la distruzione della città nel 1509-1510 anche la Chiesa di San Giacomo Maggiore venne danneggiata e restaurata nel 1512. Ci si concentro soprattutto sul campanile, che affiancò l’abside. I lavori vennero portati avanti da Girolamo Scienza, che si era occupato anche della ristrutturazione della vicina Cattedrale.

Nel 1522 fu realizzato un nuovo altare maggiore per il quale il pittore feltrino Girolamo Lusa dipinse una grande tavola raffigurante la Madonna in Trono col Bambino con San Giacomo e San Martino.

La Chiesa aveva altri due altari posti ai lati: uno dedicato a San Francesco da Paolanel 1739 con una tela di Pietro Cogorani, e l’altro alla Madonna Addolorata. Solo più tardi l’altare sarà dedicato a Sant’Antonio da Padova.

Interventi e restauri nell’era moderna

quadro-chiesa-san-giacomo-feltre

P. Cogorani – Pala Altare San Francesco di Paola

Nei primi anni del 1800 la Chiesa di San Giacomo venne arricchitta con importanti opere d’arte proveniente da chiese e conventi soppressi. Da quello dei frati francescani riformati di Santo Spirito, ad esempio, si ebbe un grande crocefisso ligneo datato 1500, mentre dal monastero delle monache agostiniane di San Pietro in Vincoli fu trasaferita l’urna lignea contenente la reliquia di Santa Teodora, un’opera straordinaria di intaglio data fine 1600.

Nel XIX secolo la chiesa di San Giacomo di Feltre, che mostrava cedimenti nei fianchi est e ovest, fu radicalmente ristrutturata dall’architetto Giuseppe Segusini. Tra il 1855 e il 1865  l’edificio divenne una più grande aula neoclassica con volta di copertura a botte e il nuovo presbiterio fu ottenuto prolungando il fabbricato a sud oltre l’allineamento delle mura medievali della città. Oggi infatti la Chiesa sporge vistosamente oltre la linea degli edifici vicini.

chiesa-di-san-giacomo-maggiore-feltre

Lunetta della Chiesa di San Giacomo

Nel nuovo abside venne collocato un grande altare in marmo con tabernacolo proveniente dalla Chiesa del Convento delle Clarisse di Santa Clara, soppresso nel 1810. Anche la facciata quattrocentesca venne restaurata, salvando però il portale scolpito, su cui ora c’è un lunettone sulle cui pareti Goffredo Sommavilla dipinse San Giacomo Apostolo che prega prima del martirio.

Sulle pareti dell’abside nel 1967 il pittore Giuseppe Modolo affrescò due episodi della vita di San Giacomo e di Santa Rita da Cascia, alla quale era stata dedicata una cappella ricavata nel 1947 sotto il presbiterio.

dipinto-chiesa-san-giacomo-feltre

G. Modolo – Santa Rita entra in Monastero

L’organo

L’organo della Chiesa di San Giacomo, sopra la porta centrale, è opera del costruttore vicentino De Lorenzi, che lo realizzò nel 1863 riutilizzando le canne provenienti da vecchi organi. Si tratta di uno strumento di pregevole fattura quanto raro.

Orari delle Sante Messe: giorni festivi alle ore 09.00

Guida di Feltre e provincia di Belluno

belluno-provincia-guida

Ingegnere Civile, è un sostenitore della causa ambientale. Appassionato di fotografia e di turismo itinerante, ama percorrere sentieri e strade lontane dal turismo di massa, a piedi o con la fedele bicicletta Ridley.

Altre storie e luoghi d'Italia

I nostri consigli di viaggio