Castello Arechi Salerno – il museo e la sala congressi

Svetta imponente su tutta la città, il Castello Arechi è ormai un simbolo da cui ammirare il panorama di Salerno.

castello-arechi

Il castello Arechi e la veduta su Salerno dall’alto

Informazioni generali

Storia del Castello Arechi

Architettura

Il museo

Parchi e percorsi naturali

Orari e prezzi

Come raggiungere il Castello

Cosa vedere nei dintorni

La guida turistica di Salerno


Informazioni generali

Ci troviamo a 300 metri sul livello del mare, sul colle Bonadies di Salerno. Il Castello Arechi è una fortezza medievale che domina l’intero capoluogo campano. Qui la vista è straordinaria: a sud la costa del Cilento, fino a Punta Licosa, a nord i primi paesi della Costiera Amalfitana.

castello-arechi-salerno-c

La Costiera Amalfitana vista dal Castello Arechi

Il Castello di Salerno si visitabile oggi dopo intensi lavori di restauro che ne hanno ripristinato l’antico splendore. Una passeggiata al Castello di Arechi di Salerno è vivamente consigliata a chiunque ami gli spazi verdi, gli antichi manieri o sia semplicemente appassionato di fotografia. Questo è il luogo migliore per scattare splendide foto di Salerno dall’alto.

Il Castello viene illuminato di notte e diventa una visione quasi mistica: già osservarlo dalla Lungomare o dal Centro Storico è molto suggestivo. Merita senz’altro una visita.

La storia del Castello Arechi

castello-arechi-salerno-d

La salita verso il Castello Arechi Salerno

Secondo alcuni testi latini, la Roma imperiale fortificò la città di Salerno già dal III secolo d.C. costruendo una piccola struttura sul colle Bonadies, che tradotto significa Buongiorno.

Essendo infatti posto sulla sommità della città, il Castello di Salerno era la prima struttura ad essere illuminata dal sole ogni mattina.

In questa imponente fortezza, che domina tutto il golfo, si sono succeduti principi e signori illustri.

Il nome di questa imponente fortezza deriva dal duca Arechi II che, attorno nel VIII secolo, ne fece un baluardo inespugnabile del suo feudo, trasferendo la capitale del suo ducato da Benevento a Salerno. Fu solo necessario rinforzare il castello e rendere le fortificazioni più efficienti.

Nel 1077 il Castello Arechi fu sottratto ai Longobardi, dando inizio alla dominazione Normanna, diventando un punto d’appoggio per i cavalieri del nord Europa. Negli antichi documenti ritrovati in tutta la provincia, Salerno viene descritta come una città difesa da un lato da imponenti mura e dall’altro da un efficace castello. Il pericolo maggiore per la popolazione veniva dal mare, infatti furono numerose le scorrerie dei saraceni. In una di queste si narra addirittura che ci fu il miracoloso intervento difensivo di San Matteo (–>Leggi la storia del miracolo del patrono di Salerno)

L’architettura del Castello Arechi

A nord-ovest ci sia quella che viene chiamata la Bastiglia, un’antica torre di guarda che completava il sistema difensivo. Nella parte centrale sono ancora visibili una serie di torri, mura merlate e addirittura ponti levatoi.

Lungo il perimetro del castello Arechi di Salerno si distingue una cintura merlata in una muratura molto solida, realizzata per resistere anche agli attacchi più potenti. Questa cinta muraria serviva per difendere l’area centrale, che ospitava un tempo nobili e signori provenienti da tutto il mondo conosciuto.

La fortificazione ha sostituito, in realtà una struttura già esistente e molto più antica. L’architettura è tipicamente medievale con un sistema di fortificazioni e ponti levatoi che lo ha reso, nei secoli, roccaforte inespugnabile dominata da signori e principi.

Italyzapping vi consiglia una passeggiata proprio sulla cinta muraria, specialmente nelle belle giornate primaverili o autunnali per godere dello splendido paesaggio sul mare e sulla città.

Il museo del Castello d’Arechi

All’interno del complesso monumentale trova spazio oggi un interessante museo medievale, in cui vengono esposte monete, armi e abbigliamento d’epoca. E’ presente inoltre una sezione interamente dedicata al lavoro degli antichi artigiani salernitani, con un’esposizione di antiche ceramiche vietresi.

Da non perdere il nuovo museo multimediale, inaugurato nel 2009, che propone con filmati e nuove tecnologie lo sviluppo storico dell’area. Ideale per grandi e piccini, in questa sezione si verrà catapultati in un’epoca lontana fatta di principi e antichi signori medievali.

Il Parco e i Percorsi Naturalistici

Per chi ama passeggiare, consigliamo un itinerario immerso nel verde. E’ possibile nel parcheggio gratuito che si incontra lungo la strada ed è possibile raggiungere il Castello d’Arechi a piedi attraverso due percorsi naturalistici. Poco impegnativi ed adatti a tutti, il primo porta rapidamente alle mura della fortezza. Il secondo, chiamato il Sentiero del Principe, è più lungo ma allo stesso tempo il più piacevole soprattutto belle belle giornate di primavera.

Per i più pigri invece c’è una comoda rampa, utile per passeggini o bici, e un rapido ascensore con cui raggiungere il castello.

castello-arechi-salerno-e

Il Castello Arechi e il suo parco naturale

Castello Arechi – eventi e matrimoni

Molti salernitani decidono di festeggiare al Castello Arechi matrimoni ed eventi speciali. All’interno di questa imponente struttura medievale vengono spesso organizzate cene di gala, banchetti nuziali, cerimonie, feste di compleanno, lauree e battesimi. La cornice è davvero incantevole: le decorazioni, i dettagli e le luci sono tali da rendere l’evento organizzato indimenticabile.

matrimoni-castello-arechi-terrazza

Matrimoni ed eventi al castello Arechi – foto matrimonio.com

Orari e prezzi

Il Castello di Arechi è aperto al pubblico dal martedì al sabato dalle 09.00 alle 17.00. La domenica dalle ore 09.00 alle 15.30. Il prezzo del biglietto, acquistabile presso il coffee-shop della struttura è di 4 euro per la tariffa intera,  2 euro per il ridotto. Per ulteriori informazioni consulta la pagina ufficiale della struttura.

Castello Arechi, come arrivare

Per arrivare al Castello Arechi, uscendo dall’autostrada di Salerno si prosegue verso sinistra, imboccando la Strada Provinciale Croce. Ecco la mappa:

Cosa vedere nei dintorni

La città di Salerno è ricca di interessanti spunti storici, architettonici e culturali. Per gli amanti dell’architettura moderna consigliamo di visitare la nuova Stazione Marittima di Zaha Hadid, mentre per gli amanti della tradizione è imperdibile una passeggiata in Via dei Mercanti. Da qui è possibile ritrovarsi al corso principale di Salerno per fare shopping, oppure visitare le tante attrazioni medievali della città, come la Duomo di Salerno o la Chiesa di San Pietro a Corte. Un’altra idea originale? Un tour della città con una guida preparata…

tour-salerno-paestum

 

Guida turistica di Salerno

cosa-vedere-a-salerno-campania
Foto di Sabrina Campagna | Travelamalfi

Daniele Calabrese

Studiando Comunicazione a Salerno e a Roma, promuove per passione il turismo e la cultura del proprio territorio. Ama scoprire nuove realtà, culture e paesaggi. Si impegna come autore free-lance a far conoscere eventi e bellezze naturali della provincia di Salerno.

Altre storie e luoghi d'Italia

I nostri consigli di viaggio