Casertavecchia – cosa vedere nel borgo medievale panoramico

Casertavecchia è un borgo medievale distante circa 10 km dal centro di Caserta e dalla famosa reggia. Ecco una piccola guida su cosa vedere a Caserta Vecchia.

casertavecchia-da-vedere

Casertavecchia | foto di F. Santangelo

Ci troviamo su una collina che sorge alle spalle della città di Caserta, in borgo che ha ormai più di mille anni. Si chiama Casertavecchia anche se in molti la chiamano Caserta Vecchia. In entrambi i casi ci si riferisce ad un antico abitato fondato nel VIII secolo dai longobardi.

Cenni sulla storia di Casertavecchia

Oggi può sembrare un borgo un po’ dimenticato – anche se conservato davvero bene – ma in realtà Casertavecchia era un punto di riferimento dell’Italia meridionale fino al XIV secolo.

casertavecchia-san-micheleFu la dominazione normanna a dare splendore a questo splendido borgo medievale, la cui potenza raggiunse il suo culmine con la costruzione della Cattedrale nel 1153, dedicata al culto di San Michele Arcangelo.

A partire dal ‘400 è iniziato il lento ed inesorabile declino: la popolazione ha iniziato a spostarsi in pianura, grazie anche alla creazione di nuove attività artigianali prima, industriali poi. Sono ancora oggi visibili intatte le testimonianze del suo passato, tanto che Casertavecchia è stata dichiarata patrimonio nazionale nel 1960.

Caserta Vecchia cosa vedere

Ecco una lista delle principali attrazioni che è possibile visitare in questo splendido borgo.

Il Duomo di Casertavecchia

La Cattedrale venne fatta costruire dal vescovo Rainulfo nel XII secolo. Si tratta quindi di un edificio antichissimo il cui esterno è caratterizzato da splendidi effetti policromi, ottenuti semplicemente affiancando pietre di colore differente.

casertavecchia-duomo-san-michele

Casertavecchia Duomo facciata e campanile

La facciata principale e quelle laterali hanno aperture messe in evidenza da grandi cornici in marmo bianco che risaltano sul resto della parete in tufo lavico.

La pianta è a croce latina, con tre navate e 18 colonne sormontante da archi a tutto sesto. Colonne e capitelli del Duomo di Caserta Vecchia sono di ordine ionico e corinzio. Le coperture delle navate sono fatte da capriate lignee.

L’interno della Cattedrale di Caserta Vecchia è privo di decorazioni a causa degli interventi di restauro subiti all’inizio del ‘900, che avevano l’intenzione di liberare la chiesa da tutte le modifiche barocche per ridarle il suo originario aspetto medievale.

Sono ancora presenti gli affreschi della piccola cappella trecentesca, situata ala destra dell’ingresso, dove si conserva la scultura di Maria SS. Regina.

La cupola del Duomo di Casertavecchia, eretta nel XIII secolo, è caratterizzata da influssi stilistici siculi che la accomunano al Duomo di Salerno, costruito nello stesso periodo storico.

Il campanile della cattedrale di Caserta Vecchia è alto 32 metri e largo 8. Venne costruito circa 1 secolo dopo la costruzione della chiesa.

Il Castello di Casertavecchia e la Torre dei Falchi

Fu costruito sulla sommità dei monti Tifata nell’861 d.C., quando il nipote del conte di Capua occupò la città di Caserta. La struttura era inizialmente una semplice abitazione privata fortificata, ma fu poi trasformata in un castello grazie alle modifiche apportate dai Normanni e dagli Svevi.

casertavecchia-castello-torre

Casertavecchia castello – la torre dei Falchi

Il castello di Caserta Vecchia era circondato da un fossato e perimetrato da numerosi torri di avvistamento. Sopravvive oggi solo la torre principale, il Maschio.

Quest’ultimo è alto 32 metri e ha un diametro di oltre 10 metri, con una struttura muraria che supera addirittura i 4 metri di spessore. Al Maschio si accedeva grazie a due ponti levatoi, oggi scomparsi, disporsi a diverse altezze. Oggi viene ricordato anche come Torre dei Falchi di Casertavecchia.

Il Castello di Casertavecchia fu abitato in età angioina ed aragonese, finché venne acquistato da Carlo di Borbone nel ‘700.

Narra la leggenda, che il castello conservasse un antico tesoro, tanto che un documento del 1893 riporta un assalto alla torre nella vana ricerca di preziosi.

La Lupara

Sul versante settentrionale del borgo di Casertavecchia, sorge una piccola torre più piccola, detta la Lupara, risalente anch’essa al periodo medievale.

Le terrazze panoramiche

E’ una delle attrazioni di Casertavecchia da vedere assolutamente. Da qui il paesaggio è davvero straordinario e si riesce ad ammirare tutta la piana che va da Caserta sino addirittura a Napoli.

casertavecchia-panorama

Casertavecchia – panorama in terrazza

Il Vesuvio è il protagonista di questa splendida veduta collinare. Dall’altro lato, invece, le colline che portano verso Benevento e, in lontananza, le cime appenniniche che d’autunno ed inverno si colorano di bianco.

La chiesa di San Rocco

La Cappella di San Rocco è la prima struttura che si incrocia arrivando a Casertavecchia dalla parte nuova della città. La sua struttura è molto caratteristica, con un solo portico con una finestrella.

casertavecchia-cosa-vedere-c

Casertavecchia – Cappella di San Rocco | Foto P. Vitale

All’interno della cappella sono presenti ancora oggi numerosi affreschi risalenti al XVII e XVIII secolo. Purtroppo non sempre è visitabile. Viene aperta ai fedeli il 16 agosto ogni anno.

Ecco un interessante video su Casertavecchia realizzato con un drone.


Casertavecchia ristoranti ed eventi

Ciò che sicuramente non manca a Casertavecchia sono i ristoranti. In un centro così raccolto ci ha sorpreso l’elevato numero di ristoranti pronti ad assecondare ogni tipo di palato. Le specialità tipiche: dal maialino nero casertano alle pietanze più stravaganti ed allusive che potrete scoprire con le tante insegne esposte fuori ad ogni attività. Un esempio? La paposcia casertana

casertavecchia-vicoli-da-vedere

Casertavecchia da vedere – vicoli | Foto P. Vitale

I ristoranti sono economici per cui vi consigliamo di fermarvi per un pranzo o una cena. Ecco la lista dei ristoranti di Casertavecchia con numero di telefono per prenotare –> vai al link

Il borgo medievale di Casertavecchia è ben conservato e vivo, grazie anche alla numerose rete di appuntamenti ed eventi che vengono organizzati in diversi periodi dell’anno.

Come arrivare a Casertavecchia

E’ possibile arrivare a Casertavecchia con i mezzi di trasporto pubblico. Si arriva infatti alla stazione di Caserta e da lì prendere la linea 103 del servizio urbano di autobus che portano proprio a Casertavecchia.

In automobile consigliamo l’uscita Caserta Nord e di seguire le indicazioni verso Casola e quindi verso Casertavecchia.

Cosa vedere nei dintorni

Sicuramente una visita merita la Reggia di Caserta. Noi ti consigliamo di prenotare una buona visita guidata così da apprezzare pienamente delle meraviglie di uno dei complessi reali più belli d’Italia.

Scopri la visita guidata per gruppi fino a 10 persone >>

Visita guidata di Regga di Caserta e Shopping pomeridiano >>

Da non perdere nei dintorni il complesso monumentale di San Leucio con il suo splendido belvedere.

Ingegnere Civile, è un sostenitore della causa ambientale. Appassionato di fotografia e di turismo itinerante, ama percorrere sentieri e strade lontane dal turismo di massa, a piedi o con la fedele bicicletta Ridley.

Altre storie e luoghi d'Italia

I nostri consigli di viaggio